Il Progetto Pollicino e la rete degli Empori solidali del Veneto

Progetto Pollicino IIa Edizione (Raccolta benefica di calzature)

L’Associazione Calzolai Italiani ha organizzato nei mesi di Novembre e Dicembre, la IIa Edizione del Progetto Pollicino. Raccolta di calzature dismesse ma ancora utilizzabili, per donarle alle Associazioni di Volontariato e rimettere in “piedi”, coloro che versano in condizioni sociali svantaggiate.

Il carico per la consegna è ingombrante, ma la soddisfazione è tanta

Nei giorni scorsi presso gli Uffici del consiglio Regionale del Veneto si è svolta la conferenza stampa che anticipava la consegna degli scatoloni contenenti le scarpe raccolte. Visto il quantitativo da consegnare, la logistica andava gestita al meglio. Gli scatoloni andranno al magazzino centrale degli Empori solidali del Veneto, che poi provvederà alla distribuzione attraverso la rete dei 26 centri dislocati, per essere messe a disposizione di tutte le persone in difficoltà.

I rappresentanti di tutte le parti coinvolte

Allessio Fiorilla, segretario dell’Associazione Calzolai Italiani, in presenza dell’Assessora alla Sanità e alle Politiche Sociali Manuela Lanzarin insieme alla consigliera Silvia Maino in rappresentanza dell’amministrazione regionale, ha consegnato a nome e per conto di tutti gli associati ai delegati degli Empori Solidali del Veneto, le 1600 paia di calzature.

La seconda edizione del Progetto Pollicino è stata un’iniziativa che si è svolta con l’abnegazione dei tanti associati sparsi nel territorio nazionale, che hanno fatto da riferimento per il coinvolgimento alle donazioni dei propri clienti, raggiungendo così (circa) 5.000 paia di calzature raccolte. Anzi per essere precisi, alla chiusura della raccolta il totale si aggirava attorno alle 4100 paia, ma nonostante lo stop ufficiale, la generosità non si è fermata e il numero complessivo è salito fino a sfiorare la quota di 5000.
Dopo essere state accuratamente selezionate, riparate e sanificate dai professionisti di Calzolai Italiani, pian piano stanno raggiungendo le varie associazioni, adesso tocca al Veneto che va ad aggiungersi alle già consegnate in Lombardia, Calabria, Sardegna e per poi proseguire nei prossimi giorni con Piemonte ed Emilia Romagna.

L’ufficialità del momento

Calzolai Italiani come associazione ha sempre pensato col senno del fare, anche rischiando di sbagliare, ma sempre attenti a correggere e migliorare. Così prende corpo la consegna agli empori, anche se principalmente distribuiscono generi alimentari, farmaci e vestiario. “… ringrazio per questo l’Associazione Calzolai Italiani – dice la Lanzarin – che si è resa protagonista di un’iniziativa che va a collocarsi tra i vari partenariati, ormai ben più di mille, che consentono l’attività degli empori solidali veneti, veri punti di riferimento per tante famiglie che possono accedere a beni di prima necessità senza oneri. Vantiamo una rete capillare sul territorio che conta 26 empori in vari ambiti territoriali.”

Il Progetto Pollicino vuole confermare la volontà di rendere tutti partecipi, l’associazione Calzolai Italiani e i clienti degli associati, uniti in un gesto comune verso il prossimo.
La beneficenza ha sempre un impatto reale, immediato e può fare la differenza per coloro che si trovano in un periodo di crisi della loro vita. Inoltre la stessa è anche un tocca sano per i benefattori. Infatti è dimostrato scientificamente come chi dona, riceve egli stesso dei benefici psicologici e migliora il proprio benessere. Effetti è da ricercarsi nel fatto che permette di rifocalizzarsi sulle reali priorità della vita.

L’Assessora Regionale Manuela Lanzarin rilascia una dichiarazione alla stampa

Il Progetto Pollicino vuole confermare la volontà di rendere tutti partecipi, l’associazione Calzolai Italiani e i clienti degli associati, uniti in un gesto comune verso il prossimo.
La beneficenza ha sempre un impatto reale, immediato e può fare la differenza per coloro che si trovano in un periodo di crisi della loro vita. Inoltre la stessa è anche un tocca sano per i benefattori. Infatti è dimostrato scientificamente come chi dona, riceve egli stesso dei benefici psicologici, migliorando il proprio benessere. Effetti da ricercarsi nel fatto che permette il rifocalizzarsi sulle reali priorità della vita.

Calzolai Italiani lavora per azioni concrete, è una caratteristica che quotidianamente dobbiamo mettere in pratica per tenere aperte le nostre botteghe. Avere attenzioni verso il prossimo è parte integrante della nostra formazione e per questo motivo faremmo lo stesso beneficenza, ma se ci aiuta (senza false ipocrisie) anche a stare aperti ogni giorno… motivo in più per pensare anche alla prossima edizione del Progetto Pollicino, sempre consapevoli di fare un passo alla volta.

Ancora qualche scatto ufficiale

Ma non è finita, questo è ancora una volta un arrivederci, rimangono da consegnare Piemonte ed Emilia Romagna.

Associazione Calzolai Italiani
Il Direttivo

L’Assessora Regionale Manuela Lanzarin, il segretario di Calzolai italiani Alessio Fiorilla
e la consigliera Silvia Maino

Il Progetto Pollicino giunge al rush finale.

Il prossimo Venerdì 21 Gennaio, si chiuderà la raccolta benefica delle calzature dismesse. Per Calzolai Italiani, un gesto ricco di significato, perché racchiude in se molteplici messaggi, uno di questi è che non si è soli e si può riprendere a camminare con le proprie forze, i sentieri della vita.

É importante restare sensibili alle problematiche sociali e intervenire sempre in modo pragmatico, mettendoci quanto di più semplice e ideologicamente parlando: l’impegno pratico.

Calzolai Italiani con la raccolta delle calzature dismesse, ma comunque ancora utilizzabili, per poi donarle e rimettere in piedi chi le riceverà, dimostra quanto sia importante, creare e sostenere questo genere di iniziative.

Venerdì (21 Gennaio) si conclude una importante campagna che ha coinvolto i nostri associati e tanti loro clienti.
Siamo alla soglia delle 3000 paia raccolte… ma! rimangono ancora circa 2 settimane per portare le calzature al tuo calzolaio di fiducia.

… segui le nostre orme!

Trova la calzoleria più vicino a te, cliccando su – Cerca il tuo calzolaio


NEWSLetter Nr. 4

È disponibile il Download
del quarto numero della
NEWSLetter di Calzolai Italiani.

Carissimi,
Calzolai Italiani si è costituita con scopi e finalità che mettevano come primo obbiettivo, la crescita degli associati e del comparto, per un più forte e omogeneo rilancio del settore.
La mission dell’Associazione era quella di sviluppare strategie da attuare nel complesso mondo dell’artigianato, di affrontare le più svariate sfide sul piano economico, culturale e sociale dei nuovi media.

In appena un anno abbiamo raggiunto risultati di tutto rispetto, confermando quanto il forte senso di coesione e lavoro di gruppo, siano di fondamentale importanza. Abbiamo messo in campo eventi a carattere nazionale (#ioriparo e il Progetto Pollicino), Workshop e Webinar quasi a cadenza settimanale, quattro NEWSLetter (più assimilabili a riviste di settore, che semplici raccolte informative) e tante altre iniziative di svariato tipo.

Calzolai Italiani focalizza costantemente le attività per incentivare la comunità nazionale dei Calzolai ad accrescersi professionalmente e stare al passo con i nuovi prodotti e le nuove tecnologie.

Questi gli elementi di unione delle varie costituenti dell’identità di Calzolai Italiani.
A confermare il principio ispiratore e segno distintivo delle molteplici attività:
– informative, formative, di rappresentanza e di servizio –
che vengono di volta in volta intraprese.

Un anno è passato, un altro ci si prospetta davanti e siamo ancora più motivati a fare meglio, dall’esperienza acquisita e dai risultanti raggiunti.

Calzolai Italiani è un’Associazione che guarda al passato per confermare le radici e migliorare il futuro, lavorando e collaborando con chiunque voglia condividere, confrontarsi e mettersi in gioco adesso… nel presente!

Buon lavoro a tutti!

NEWSLetter
Edizione IT – Trimestrale – Anno I – Nr. 4 – Ottobre/Novembre/Dicembre 2021

Download “NEWSLetter Nr. 4”

nwesletter-calzita_04-2021.pdf – Scaricato 204 volte – 19,33 MB

#IORIPARO, 2° edizione – Il video!

Trascorso qualche mese dall’evento che ha caratterizzato la Giornata Nazionale #IORIPARO, riproponiamo il video che ha caratterizzato la campagna 2021.

Per mantenere vivo il messaggio della campagna di #ioriparo.

Un’azione tesa a SENSIBILIZZARE le persone sulla cultura della riparazione.
Perché gettare le nostre calzature nell’indifferenziata è un errore, sia perché le scarpe contengono metalli pesanti e altre sostanze chimiche tossiche e sia perché la gomma della suola in particolare ha tempi di decomposizione lunghissimi, inoltre nonostante sia qualcosa di altamente riciclabile ha modalità di lavorazione difficili.

L’alternativa c’è ed è quella di dare NUOVA VITA alla scarpe, come categoria ci sentiamo responsabili nel sensibilizzare verso la cultura della riparazione

Non solo le calzature classiche possono essere riparate, come la maggior parte delle persone pensa, ma le tecniche riparatorie di oggi ci consentono di rimettere a nuovo: sneakers, scarpe da calcio, tennis, ginnastica, trekking, motocross, trail running e tanti altri modelli.

Buon lavoro a tutti…

#IORIPARO

Giornata Nazionale #IORIPARO

Lunedì 31 Maggio – Giornata Nazionale #IORIPARO

Lo smaltimento delle scarpe in generale non è cosa da poco se pensiamo ai milioni di paia ai piedi delle persone in tutto il mondo. Dei circa 25 miliardi di paia di scarpe prodotte a livello globale ogni anno, gli esperti dicono che la maggior parte di esse finisce in una discarica o in un inceneritore, perché semplicemente ci sono troppe scarpe e non abbastanza soluzioni di riciclo.

Ogni anno in Europa vengono venduti 2,6 miliardi di Calzature. Di queste 1,5 milioni vengono conferite in discarica. Il riciclo è ad oggi ancora un processo costoso in termini di risorse Ambientali. Le nostre calzature sono fatte di pelle, tessuto e polimeri. Materiali difficili da separare e di difficile riutilizzo, inoltre una volta in discarica si degradano in molti anni. Basti pensare che i materiali naturali si decompongono rapidamente, ad esempio il cotone impiega circa sei mesi, mentre la pelle richiede 20/40 anni, inoltre per un buon 35% delle nostre scarpe è fatta con elementi a base di plastica che durano molto più a lungo, ma “possono impiegare fino a 1.000 anni per decomporsi”. Condizione che l’Ambiente ormai non può più sostenere.

Partendo da questi presupposti le Associazioni Calzolai Italiani, operativa e dedita ad iniziative di promozione e formazione con centinaia di soci e Calzolai 2.0 (aderente a Confartigianato, Veneto) con circa cinquecento soci, hanno istituito a partire da Lunedì 31 Maggio, la “Giornata Nazionale #IORIPARO”.
L’iniziativa di Calzolai Italiani e Calzolai 2.0 giunge alla sua seconda edizione, ma visti i riscontri favorevoli di operatori e clienti, da quest’anno l’evento avrà cadenza annuale e ogni ultimo Lunedì di Maggio sarà dedicato alla “Giornata Nazionale #IORIPARO”.

 “Questa nostra iniziativa – dice Paride Geroli Presidente di Calzolai 2.0 – oltre a puntare a rilanciare la riparazione di calzature, in questa nuova fase di ripartenza dopo un anno e mezzo di pandemia, poggia le sue fondamenta sull’’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile. Sottoscritta il 25 settembre 2015 dai governi dei 193 Paesi membri delle Nazioni Unite e approvata dall’Assemblea Generale dell’ONU. L’Agenda è costituita da 17 Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile, inquadrati all’interno di un programma d’azione più vasto costituito da 169 target o traguardi, ad essi associati, da raggiungere in ambito ambientale, economico, sociale e istituzionale entro il 2030. Tra le strategie principali dell’economia circolare ci sono: dare priorità a risorse rinnovabili, recuperare e massimizzare l’uso del prodotto. Quest’ultima, in particolare, si declina in almeno tre azioni: prodotto come servizio, condivisione/virtualizzazione e ottimizzazione dell’uso/manutenzione. Proprio alla strategia di “ottimizzazione dell’uso/manutenzione” che #IORIPARO si è ispirata”.

“La campagna di #ioriparo è un’azione tesa a SENSIBILIZZARE – spiega Simone Usai, Presidente di Calzolai Italiani – le persone sulla cultura della riparazione.
Perché gettare le nostre calzature nell’indifferenziata è un errore, sia perchè le scarpe contengono metalli pesanti e altre sostanze chimiche tossiche e sia perchè la gomma della suola in particolare ha tempi di decomposizione lunghissimi, inoltre nonostante sia qualcosa di altamente riciclabile ha modalità di lavorazione difficili e per questo è bassamente diffusa.
Per questo siccome l’alternativa c’è ed è quella di dare NUOVA VITA alla scarpe, come categoria ci sentiamo responsabili del rendere noto che la riparazione può essere fatta non solo alle calzature classiche, come la maggior parte pensa, ma le tecniche riparatorie di oggi ci consentono rimettere a nuovo: sneakers, scarpe da calcio, tennis, ginnastica, trekking, motocross, trail running e tanti altri modelli.
Come Associazione Calzolai Italiani stiamo già da tempo organizzando Workshop, Webinar, Tutorial e quanto altro necessario per sostenere la Professionalità dei nostri colleghi e il livello qualitativo delle nostre lavorazioni, tanto da poter affermare di riuscire a far tornare una calzatura se non pari al nuovo, poco distante.
Quest’anno la Giornata Nazionale #IORIPARO non prevede l’organizzazione di manifestazioni nel rispetto delle esigenze di contenimento della diffusione dell’epidemia da Covid-19. Quindi ci siamo posti come obbiettivo per Lunedì, quello di invitare i clienti a venire nelle nostre Calzolerie per spiegare quanto il nostro lavoro si è evoluto, quanto sia importante riparare e su quali calzature lo si può fare… insomma informare sull’argomento. Inoltre per ringraziare i nostri clienti si offrirà loro uno sconto simbolico del 5% sulle riparazioni che porteranno nel corso della giornata evento.”

Da qualche giorno (da Lunedì 24) è partita sui social e sui siti web delle associazioni, la campagna di sensibilizzazione a #IORIPARO di Calzolai Italiani e Calzolai 2.0, che oltre agli utenti/clienti, coinvolge i fornitori e i colleghi riparatori non associati, affinché promuovano e condividano l’iniziativa attraverso i loro canali, così da creare in modo tangibile un effetto domino per divulgare l’evento. Come detto l’obiettivo è quello di sensibilizzare l’opinione pubblica alla riparazione in prima battuta, al riciclo se non possibile la riparazione ed evitare il più possibile “il conferimento nell’indifferenziata”.

Se tutti noi facessimo un piccolo sforzo nel condividere la conoscenza, molte più azione quotidiane sarebbero meno impattanti per l’Ambiente e la salvaguardia del nostro UNICO pianeta.

L’appuntamento è per lunedì 31 maggio 2021, presso tutte le Calzolerie d’Italia aderenti